Copertina

Activision-Blizzard: WoW Classic domina il Q3 2019

Scritto da MasterRedz 9 Novembre 2019

Il 7 novembre Activision-Blizzard ha tenuto la canonica conferenza con gli investitori per presentare i risultati del Q3 2019, terminato lo scorso 30 settembre. Un trimestre che, come sempre, ha superato le previsioni ma non in modo esaltante. È un po’ la tendenza di questo anno, segnato dalla grande ristrutturazione di Blizzard, ma anche in grado di riservare piacevoli sorprese.

Infatti il terzo trimestre ha visto protagonista World of Warcraft Classic, che secondo il rapporto ha portato al più alto incremento di abbonamenti a WoW della sua storia. Un risultato molto positivo che nessuna espansione precedente ha mai raggiunto, sia nel pubblico occidentale che orientale. Anche BfA, nonostante il declino da periodo “morto” fra patch, ha mantenuto dei buoni livelli di giocatori. Questa importante crescita ha permesso di mantenere un alto livello di pubblico giocante, con circa 33 milioni di utenti unici al mese sui prodotti Blizzard.

Activision-blizzard: i risultati di Blizzard nel q3 2019

Non sono ovviamente mancati accenni alla BlizzCon 2019 appena terminata e all’annuncio di Diablo IV, che ha scatenato fan e appassionati di tutto il mondo. Questo è stato molto più apprezzato di quello di Diablo Immortal, ma l’azienda rimane comunque decisa nel perseguire i suoi piani per il settore mobile.

Passando ad Overwatch, il “mood” del gioco è rimasto abbastanza buono e l’introduzione di Sigma a luglio è stata molto ben accolta dai giocatori. Anche la partecipazione del pubblico all’Overwatch League è migliorata, se non in termini assoluti, almeno nel tempo speso ad osservare le partite.

Infine, Blizzard sta cambiando l’approccio verso Hearthstone, preferendo un piano a lungo termine di coinvolgimento piuttosto che risultati legati solamente all’uscita delle espansioni. Sempre secondo questa filosofia, la modalità Battaglia appena rilasciata in beta è il primo passo nella nuova direzione.

Nonostante questi risultati, il 2019 rimane comunque un anno controverso per Activision-Blizzard. Solo nel 2020, quando usciranno i primi titoli di questa nuova gestione, si potranno tirare le somme di questa situazione.

Fonte: investor.activision

Per favore Accedi per commentare
  Segui  
Notificami