Copertina

La vicenda Blizzard-Versailles non è ancora definitivamente chiusa

Scritto da MasterRedz - 10 Dicembre 2021 alle 13:00

Il capitolo Blizzard Versailles sembrava essere definitivamente chiuso, allo stesso modo della sede francese. Invece, secondo il portale d’oltralpe GameKult, la vicenda è per diversi aspetti ancora in alto mare.

Infatti, sembra che i due piani di “Protezione dei posti di lavoro (PSE)”, necessari in Francia per procedere a operazioni di licenziamento su larga scala e chiusura di attività, non siano in regola e quindi non validi.

Il tribunale a cui è stata affidata la valutazione della vicenda, ha deciso che il primo di questi piani non è valido secondo le normative francesi, aprendo a diversi scenari di risarcimenti per i dipendenti e sanzioni per l’azienda.

Secondo la fonte, l’autorità francese preposta per queste vertenze dichiara che “Blizzard ha fallito diverse volte nel dimostrare che l’azienda si trovasse in una situazione critica tale da giustificare prima i licenziamenti e poi la chiusura dello studio (francese)”. Inoltre, “la chiusura definitiva è avvenuta nel bel mezzo della pandema di Covid-19, mettendo in grave difficoltà i dipendenti”.

Nelle prossime settimane, arriverà la decisione del tribunale anche sul secondo piano, quello dedicato alla chiusura definitiva. Se anche questa seconda sentenza fosse in sfavore di Blizzard, sarebbe un’altra vittoria per i dipendenti che potrebbero dettare ulteriori condizioni di risarcimento.

Fonte: gamekult

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti