Blizzard

Johanna Faries è la nuova presidente di Blizzard Entertainment

johanna faries presidente blizzard

Come dichiarato durante i disastrosi licenziamenti di massa della settimana scorsa, Microsoft ha annunciato la nuova presidente di Blizzard Entertainment, Johanna Faries. Faries sostituirà il dimissionario Mike Ybarra a partire dal 5 Febbraio.

Laureata ad Harvard, Johanna Faries ha fino ad oggi ricoperto il ruolo di direttore generale del franchise di Call of Duty e precedentemente come capo della divisione eSport del gioco. Prima di approdare nel mondo dei videogiochi, ha avuto una carriera nel marketing e management della NFL americana.

Faries quindi non arriva dalla dirigenza Blizzard ma da Activision, società che ha una cultura di sviluppo ben differente. Inoltre, è una dirigente dell’era di Bobby Kotick, cosa che fa alzare più di un sopracciglio. Non ci sono ulteriori indiscrezioni su come la sua nomina sia avvenuta e quando, tranne per il fatto che sembra abbia già incontrato e discusso con i dirigenti Blizzard in merito alle sue prerogative e il futuro dell’azienda.

Ecco il suo comunicato di presentazione, tradotto in italiano:

Anche se il mio primo giorno ufficiale con tutti voi sarà il 5 febbraio, voglio immediatamente farvi sapere che sarà un onore unirmi a voi la prossima settimana in questa nuova veste. Lo faccio umilmente per tutto ciò che Blizzard ha rappresentato e mostrato al mondo per oltre trent’anni. La giornata di oggi porta con sé anche alcune emozioni contrastanti. La perdita di compagni di squadra di talento negli ultimi giorni è difficile da tenere insieme all’immensa eccitazione che provo per unirmi a voi e per lo slancio che state creando per il prossimo capitolo di Blizzard.

Voglio ringraziare Matt per la presentazione e fornire ulteriore chiarezza sull’annuncio di oggi, condividendo di più su come vedo il nostro futuro insieme in Blizzard. Capisco che ci sia molto da accettare. La notizia della mia nomina potrebbe senza dubbio suscitare una serie di reazioni, domande e persino preoccupazioni.

Activision, Blizzard e King sono aziende decisamente diverse con giochi, culture e comunità distinte. È importante notare che il modo in cui Call of Duty si applica per offrire ai giocatori può spesso differire dagli straordinari giochi del regno di Blizzard: ognuno con esperienze di gioco diverse, comunità che li circondano e modelli di successo associati. Ne ho discusso con i dirigenti di Blizzard e accetto questo ruolo con sensibilità verso quelle dinamiche e con profondo rispetto per Blizzard, mentre esploreremo modi per portare questi universi a livelli ancora più alti.

Mi impegno a fare tutto il possibile per aiutare Blizzard a prosperare, con cura e considerazione per voi e per i nostri giochi, ognuno unico e speciale nel suo genere. Sono ottimista sulla nostra capacità di servire le nostre comunità di giocatori attuali e future e di ampliare ulteriormente la passione condivisa per la meraviglia, raffinatezza e maestria creativa che è un segno distintivo dell’approccio di Blizzard alla creazione di videogiochi.

La prossima settimana sarò a Irvine e non vedo l’ora di incontrare il maggior numero possibile di voi. Pianificherò incontri informali (e totalmente facoltativi), in cui desidero ascoltare più dalle persone di tutta l’organizzazione. Quelli di voi che non possono partecipare a quegli incontri o non si trovano a Irvine, non esitate a scrivermi. Stiamo anche programmando una riunione generale che si terrà nel prossimo futuro.

Alcuni fatti personali: il mio lavoro numero 1 nella vita è crescere due ragazzi fantastici. Oltre alla genitorialità, una settimana tipica per me include trovare il tempo per lo yoga e la preghiera quotidiana e, ovviamente, giocare ai videogiochi (sono una grande fan di Diablo IV!). Nel frattempo, la gioia che trovo nei videogiochi – e nel lavorare con coloro che li realizzano – non fa che aumentare.

Rimango ispirata dall’iconica eredità di Blizzard e dal ruolo trasformativo che i videogiochi hanno avuto nella mia vita e in quella degli altri. Non vedo l’ora di andare avanti: ascoltare, imparare, migliorare e collaborare con tutti voi per il nostro futuro audace e luminoso insieme. Insieme, possiamo forgiare molti giorni leggendari a venire.

Qui sotto potete trovare il comunicato in lingua originale.

La nomina di Faries è di primo acchito molto controversa e potenzialmente indigesta: l’acquisizione da parte di Microsoft doveva infatti eliminare, almeno agli occhi di community e dipendenti, una morsa corporate tossica da parte di Activision e di Kotick. Invece nel giro di una settimana centinaia di dipendenti sono stati licenziati e la nuova presidente è un’eredità diretta dell’era Kotick.

Per quanto riguarda noi, facciamo le nostre congratulazioni alla neo-presidente, sperando che sia all’altezza delle aspettative e che sia in grado di disperdere le preoccupazioni di community e dipendenti attraverso il suo lavoro.

Today, the following email was delivered to all Blizzard employees by Johanna Faries, the new President of Blizzard Entertainment:

Dear Blizzard,

Though my official first day with you all is February 5, I want to let you know immediately that it is an honor to join you next week in this new capacity. I do so humbly and in awe of all that Blizzard has stood for and delivered to the world for over thirty years. Today also brings some mixed emotions. The loss of talented teammates in recent days is hard to hold side-by-side with the immense excitement I feel about joining Blizzard – and building on the momentum you’ve created for Blizzard’s next chapter.

I want to thank Matt for the introduction, bring some further clarity to today’s announcement, and share more about how I see our future together at Blizzard. I understand this is a lot to take in. The news of my appointment may no doubt bring up a range of reactions, questions, even concerns.

Activision, Blizzard, and King are decidedly different companies with distinct games, cultures, and communities. It is important to note that Call of Duty’s way of waking up in the morning to deliver for players can often differ from the stunning games in Blizzard’s realm: each with different gameplay experiences, communities that surround them, and requisite models of success. I’ve discussed this with the Blizzard leadership team and I’m walking into this role with sensitivity to those dynamics, and deep respect for Blizzard, as we begin to explore taking our universes to even higher heights.

I am committed to doing everything I can to help Blizzard thrive, with care and consideration for you and for our games, each unique and special in their own right. I’m optimistic about our ability to serve our current and future player communities, and to further amplify the shared passion for greatness, polish, and creative mastery that is a hallmark of Blizzard’s approach to game-making.

Next week, I will be in Irvine and I am eager to connect with as many of you as possible. I will be scheduling informal (and totally optional) meet-and-greets, where I want to hear more from people across the organization. Those of you who cannot make it to those gatherings or aren’t located in Irvine, please feel free to email me. We are also planning a town hall meeting to be held in the near future.

A few personal facts about me: my #1 job in life is raising two amazing boys. In addition to parenthood, a typical week for me includes finding time for daily yoga and prayer, and of course, playing video games (big Diablo IV fan over here!). Throughout, the joy I find in games – and working with those who make them – only deepens.

I remain inspired by Blizzard’s iconic legacy, and the transformative role gaming has played in my life and in the lives of others. I cannot wait to get going – to listen, to learn, to empower, and to collaborate with all of you on our bold and bright future together. Together, may we forge many legendary days ahead.

Johanna



MasterRedz

About Author

Signore indiscusso della redazione, MasterRedz ha spadroneggiato in BattleCraft dopo aver sterminato i suoi rivali a furia di dirette BlizzCon e articoli. Ora ha puntato gli occhi sulla conquista di DailyQuest e nessun redattore sarà al sicuro!

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti