Copertina

La scorsa settimana il senatore statunitense Ron Wyden aveva accusato Blizzard di essersi piegata alla censura cinese. Le sue non sono rimaste solo parole e insieme a politici sia repubblicani che democratici ha redatto una lettera aperta indirizzata a Bobby Kotick, CEO di Activision Blizzard. I firmatari sono lo stesso Ron Wyden, senatore democratico, Marco Rubio, senatore repubblicano, e i membri del Congresso Alexandria Ocasio-Cortez (democratica), Mike Gallagher (repubblicano) e Tom Malinowski (democratico).

Caro signor Kotick

Le scriviamo per esprimere la nostra profonda preoccupazione riguardante la decisione di Activision Blizzard di ritirare il premio in denaro al giocatore Ng Wai Chung e squalificarlo per un anno dopo che ha manifestato supporto alla protesta pro-democrazia di Hong Kong. Questa decisione è particolarmente preoccupante alla luce della crescente pressione del governo cinese sulle compagnie americane per contribuire a soffocare la libertà di parola.

Continua nella fonte

La lettera prosegue riconoscendo la grande influenza monetaria della Cina e di come questa forza venga usata a proprio vantaggio scavalcando i principi di democrazia e libertà di parola, citando anche le attuali polemiche dell’NBA. I firmatari ricordano a Kotick che i valori proclamati dell’azienda incoraggiano la libertà di parola e lo ammoniscono sulle ripercussioni della punizione di Blitzchung. Alla fine della lettera si esorta Activision Blizzard a riconsiderare la propria decisione e scegliere da che parte stare.

La scorsa settimana il Presidente di Blizzard J. Allen Brack aveva pubblicato un comunicato dove annunciava la riduzione della squalifica a sei mesi e la restituzione del premio, giustificando comunque la scelta di intervenire con una sanzione. Questa azione però non è stata giudicata sufficiente, né da Blitzchung né dai giocatori.

Sembrerebbe proprio che la protesta non sia più arginabile: l’associazione attivista Gamers for Freedom sta organizzando una protesta alla BlizzCon 2019 e anche una cosplayer si presenterà con un costume dedicato. Inoltre è notizia recente che Nintendo stia evitando di promuovere Overwatch su Switch, per non attirare su di sé le attenzioni dei manifestanti.

Come chiusura, vi aggiorniamo nuovamente sulla squadra della American University, che aveva esposto un cartello pro Hong Kong durante una partita dell’Hearthstone Collegiate Championship. Inizialmente il team non aveva ricevuto sanzioni quindi si era ritirato come gesto di solidarietà verso Blitzchung, ma a quanto pare la squalifica è arrivata e sarà in vigore per sei mesi.

Il tweet di uno dei componenti della squadra.
Per favore Accedi per commentare
  Segui  
Notificami