Copertina

L’universo di Diablo è caratterizzato dai conflitti: Angeli contro Demoni, il Bene contro il Male. Persino la sua creazione si è basata su una lotta furibonda, finita però senza vincitori.

All’origine dei tempi il cosmo e il mondo non esistevano. L’unica cosa che realmente esisteva era una perla perfetta in cui abitava l’essere supremo chiamato Anu. Questa entità generava il bene e il male, la luce e l’oscurità, l’aspetto mistico e quello fisico. Tutti i suoi aspetti caratteriali si manifestavano all’interno della perla perfetta, Anu però agognava ad una purezza e perfezione fisica e spirituale.

Tramite i suoi poteri riuscì a distaccare da se stesso tutta la negatività, il male e l’oscurità, scacciandole via. In questo modo Anu raggiunse uno stato di purezza assoluta, ma tutte le entità scacciate si riunificarono in un solo essere che prese il nome di Tathamet. L’entità maligna aveva la forma di un drago gigantesco a sette teste e cominciò a lottare contro Anu all’interno della perla.

Il loro combattimento continuò per millenni, senza che nessuno dei due prevalesse sull’altro. Ma come tutte le cose anche le loro energie iniziarono ad esaurirsi: in un’ultima grande battaglia Anu e Tathament diedero fondo alle loro energie riuscendo ad uccidersi a vicenda. Fu così generata un’enorme esplosione che diede vita all’intero universo. 

Anu combatte contro le sette teste di Tathamet

LA NASCITA DEL PARADISO E DELL’UNIVERSO

Uno dei pochi lasciti concreti di Anu è il così detto “Occhio di Anu”, più comunemente conosciuto come “Pietra del Mondo” o “Cuore della Creazione”. Questo oggetto, di una grandezza colossale, diede vita alla creazione mortale di tutti i luoghi dell’universo, del tempo e della varietà della vita. La spina dorsale di Anu invece rotolò e si inarcò creando l’Arcata di Cristallo da cui prese forma il Paradiso Celeste. Da lì presero vita anche gli Angeli attraverso il canto di luce. Alcuni tra questi angeli si distinsero dai loro fratelli e presero il nome di Arcangeli formando il Concilio di Angiris. Secondo molti gli arcangeli incarnano i massimi valori di Anu e ne sono quindi l’espressione della sua volontà e delle sue virtù. Tyrael, Imperius, Malthael, Auriel e Itherael rappresentano rispettivamente: giustizia, valore, saggezza, speranza e destino.

Gli angeli non sono fatti di carne e sangue e godono di una vita infinita, ma possono comunque essere uccisi da entità più potenti. Quando un angelo muore un nuovo angelo prenderà il suo posto. L’unico esempio di angelo “mortale” è quello di Tyrael che si spoglierà delle sue sembianze celestiali e per assumere quelle mortali. Gli angeli posseggono una forza superiore a quella umana e traggono forza vitale dall’Arcata di Cristallo.

LA NASCITA DELL’INFERNO E DEI PRIMI MALIGNI

Dopo la sua morte la carcassa di Tathamet cadde nella più profonda oscurità, oltre il mondo materiale. Dalle sue carni in putrefazione emersero i reami degli Inferi Fiammeggianti e vennero generati i demoni. Da ognua delle sue sette teste furono generati i Grandi Maligni, i più potenti signori della loro razza. Dalle teste più grandi nacquero i Primi Maligni:

  • Mefisto, il signore dell’Odio
  • Baal, il signore della Distruzione
  • Diablo, il signore del Terrore

Mentre dalle restanti quattro teste più piccole di Tathamet sorsero i Maligni Minori:

  • Andariel, Signora dell’Angoscia
  • Duriel, Signore del Dolore
  • Belial, Signore della Menzogna
  • Azmodan, Signore del Peccato

Le forze del Paradiso e dell’Inferno entrarono presto in guerra per impossessarsi dei poteri della Pietra del Mondo, dando origine all’Eterno Conflitto. Ma c’erano altri segreti, miti e leggende ancora da svelare.

Per favore Accedi per commentare
1 Commenti
0 Risposte
0 Iscritti
 
Commento più interessante
Commento più attivo
1 Commentatori
SERAPHIMON Commentatori recenti
  Segui  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
SERAPHIMON
Lettore
SERAPHIMON

io favorisco sempre WoW, ma è cmq un piacere vedere i continui capolavori della Blizzard e questi racconti mi fanno un po’ rimpiangere la mia esclusività!