Copertina

Diablo Immortal: le idee arrivano da tutti i capitoli precedenti

Scritto da MasterRedz - 29 Novembre 2018 alle 10:00

Durante la BlizzCon 2018 l’accoglienza per Diablo Immortal è stata più che controversa, ma questo non ha impedito al subreddit di Diablo di intervistare Wyatt Cheng e Joe Hsu a proposito del gioco. Molti dei punti affrontati sono già stati ribaditi più volte, ma ci sono comunque diversi dettagli inediti e novità sul gioco.

  • Al momento, il sistema di abilità è incentrato sui tempi di recupero piuttosto che sulla gestione di Risorse. Il flusso del gioco è ancora “Diablo”, ma non è detto che si mantenga questa sistema nel prodotto finale.
  • Nei primi giorni di sviluppo, il gioco aveva il sistema di Risorse ma è stato scartato e le classi non sono state determinate da questo fattore.
  • Attualmente non ci sono sistemi che sfruttino la posizione del device per trovare giocatori vicini. È comunque una possibilità che può essere valutata.
  • L’itemizzazione della demo della BlizzCon era una versione temporanea, poco rifinita e con molte mancanze.
  • Il sistema di equipaggiamento sarà interessante e manterrà parte delle caratteristiche di Diablo III, come i Leggendari. Inoltre, sono in valutazione anche sistemi dei precedenti capitoli.
  • Invece i Set di equipaggiamento al momento sono in una zona grigia: capiscono l’appeal dei Set, ma sia il team di sviluppo che la community è sempre stata divisa sulla loro posizione nel sistema di oggetti.
  • In D3, il gioco scala da uno a quattro giocatori, mentre in Immortal le istanze e molte attività pubbliche sono create già per più giocatori. Non è solo una questione di numeri, ma di meccaniche, design delle mappe e molto altro.
  • Per le istanze non è considerata la classica “trinità” degli MMO – tank, DPS e curatore. Le chiavi di uno scontro saranno posizionamento, movimento e danno.
  • Al momento, i giocatori potranno raccogliersi in Gilde per svolgere le diverse attività di gruppo.
  • Il gioco è previsto per smartphone e tablet, quindi l’UI sarà adattiva in base allo schermo del dispositivo. In una prima build provata da Mike Morhaime, l’ex-presidente di Blizzard ha trovato molto comoda la versione per tablet.
  • Come già spiegato, le città diventeranno hub condivisi dai giocatori, come in WoW. Queste potrebbero avere distretti o luoghi speciali dedicati a singole attività, ma è ancora troppo presto per parlarne.
  • Sarà presente sia un sistema di chat completo, integrato con Battle.net e con diversi canali, sia un sistema per comunicare velocemente con altri giocatori.
  • Per quanto riguarda abilità, creature e altro, Cheng ritiene che la regola dei 3 terzi sia la migliore da adottare per la creazione di Immortal, ovvero: 1/3 del contenuto deve essere familiare, 1/3 evoluto e migliorato e l’ultimo 1/3 inedito.

Nel link sottostante trovate l’intervista completa, con riflessioni aggiuntive sui punti trattati.

Fonte: reddit

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti