Copertina

La BlizzCon 2018 termina con il secondo panel dedicato a Diablo Immortal, il prossimo capitolo mobile della saga di Diablo. A presentare e rispondere alle domande dei presenti sono Wyatt Cheng, Matthew Berger e Sean Copeland.

Appena salito sul palco, Wyatt Cheng ha esordito con una dichiarazione al pubblico e alla community di Diablo, in parte per placare le reazioni della scorsa serata, in parte per ribadire la propria dedizione al franchise.

Amiamo la nostra community e la community è molto appassionata. Abbiamo molti progetti di Diablo in cantiere, seguiti da altrettanti team di sviluppo. Diablo Immortal è solamente uno di questi.

La storia di Sanctuarium e Immortal

La timeline della storia di Diablo

Si parte con un riassunto della storia di Diablo. I Primi Maligni e il Concilio di Argiris, senza dimenticare l’Eterno Conflitto. L’alleanza fra Inarius e Lilith, la nascita dell’umanità.

Nel -1992 Il primo demone viene evocato, rivelando l’esistenza di Sanctuarium iniziando le diverse invasioni, che porteranno alla distruzione della Pietra del Mondo, con il sacrificio di Tyrael.

I risultanti frammenti della Pietra del Mondo sono pregni di energia demoniaca, altamente corruttiva. Molti di questi frammenti sono stati reclamati da esseri malvagi o vittime inconsapevoli pronte ad essere corrotte.

Fra questi c’è Prius, il Decimatore, ma è solo uno dei molti nemici che stanno diventando serie minacce per Sanctuarium e l’umanità. Il nemico principale è Skarn, Araldo del Terrore: un essere con l’obiettivo di scatenare il caos e il terrore, il tutto cercando di portare indietro il proprio padrone Diablo.

Skarn, Araldo del Terrore

Gli sviluppatori sono tornati sulle zone pubbliche del gioco, presentate ieri sera. Al lancio di Diablo Immortal troveremo sicuramente:

  • Bilefen: è un’isola nel Khanduras del Sud, dove mostri della palude e feticci oscuri rendono la vita miserabile. Il mago Jenn sta cercando alcune reliquie perdute in questa zona e nel suo dungeon.
  • La Biblioteca di Zoltun Kulle è un altro archivio di Kulle, dove il suo simulacro studia e conduce esperimenti sui demoni e altre materie non proprio tradizionali.
  • Shassar Sea, un deserto dove scopriremo la storia di Valla e il suo maestro Josen, alla caccia di un nido di demoni.

Gli instanced dungeon sono ricchi di meccaniche e incontri non normalmente riscontrabili nelle mappe pubbliche. Ad esempio sarà possibile calarsi con una corda in una tomba per affrontare il boss sottostante.

  • Tomb of Fahir: il primo boss è la Broodmother, sconfiggendola si accederà alle parti più interne della catacomba.
  • Le Kikuras Rapids ci permetteranno di affrontare mostri acquatici lungo le letali rapide del fiume, per affrontare il Fetish Patriarch che sta creanndo scompiglio nelle paludi.
  • La Forgotten Tower del primo atto di Diablo II: la Contessa è tornata, resuscitata dai suoi cultisti tramite un rituale di sangue.

Si passa alle classi, con esempi delle abilità, alcune canoniche, altre inedite:

  • Barbaro, il classico combattente senza regole, con molte abilità da mischia e pura forza bruta: Carica furiosa, Martello degli antichi, Lancio dei nemici (inedita).
  • Negromante, il signore dei non-morti, del sangue e delle ossa: può comandare scheletri, utilizzare cadaveri come risorsa per attacchi di lance e spuntoni d’ossa. Molto simile a quello di Diablo III.
  • Crociato, il cavaliere con attacchi sacri e potenziati dalla fede: Scudo Benedetto ritorna al Crociato dopo essere stato lanciato, Spazzata può essere caricata per aumentare portata e danno, Spada Cadente può essere riattivata per telestrasportarsi in modo simile a Tyrael su Heroes. Non manca la possibilità di caricare brevemente con un destriero.
  • Mago, ovvero, come disintegrare nemici con stile: ritornano Meteora e Raggio Congelante, mentre Ice crystal evoca un cristallo di ghiaccio per poi farlo esplodere. Quest’ultimo è utilizzabile come prisma dal raggio di ghiaccio per colpire i nemici vicini.
  • Cacciatore di Demoni, classe ad alta mobilità e attacchi a distanza su molti bersagli. Daring swing permette di spostarsi con un rampino, ritornano Assalto Dinamico e Pioggia vendicativa.
  • Monaco: la forza del monaco deriva dal suo equilibrio interiore e dalla sua volontà. Molti attacchi ad area: Colpo delle Sette Direzioni,  un calcio con rimbalzo su muri e continuativo colpendo nemici, Imprisoned Fist è un pugno che respinge il loro spirito.

Q&A

  • Alcuni Primi Maligni stanno ritornando molto prima del previsto a causa di quello che avverrà in Immortal.
  • Le parole Runiche e le Rune, ma in generale tutta l’itemizzazione, sono ancora in corso di definizione per creare il sistema di equipaggiamento migliore possibile. Ci saranno i castoni, di gemme o di rune.
  • Come già detto, molte questioni rimaste irrisolte o comunque poco approfondite negli altri giochi saranno affrontate in Immortal. Ad esempio la trasformazione di Malthael in Angelo della Morte, oltre a quanto detto in Reaper of Souls.
  • Il commercio fra giocatori in un gioco come Diablo, dove l’ottenimento dei singoli oggetti è molto importante, può essere distruttivo, come lo è stata la casa d’aste al lancio di Diablo III. Non sono escluse alcune forme di commercio, ad esempio per gemme o simili.
Per favore Accedi per commentare
3 Commenti
1 Risposte
0 Iscritti
 
Commento più interessante
Commento più attivo
4 Commentatori
SilloArdyn IzuniaNalaSanzef Commentatori recenti
  Segui  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Sanzef
Lettore
Sanzef

Sicuramente sarà un gioco divertente, però non è quello che volevamo. Dev’essere una cosa davvero epica per farci dimenticare che hanno preferito concentrarsi su questo rispetto allo stato attuale di Diablo 3.

NalaGMG
Lettore
NalaGMG

Concordo pienamente.
Per quanto bello possa essere diablo su mobile mi sembra una presa per il culo a noi veterani del pc, parecchio deluso dal team di Diablo.

Sillo
Lettore
Sillo

Mi aggrego alle migliaia di fan delusi, il blizzcon forse non era il luogo più adatto dove presentarlo. Anche se devo dire una cosa, l’unica speranza che ho per questo gioco è che blizzard esca completamente dagli standard di come vengono visti i giochi mobile e si allontani completamente dai vari sistemi di stamina, gacha, micro transazioni spudorate ecc.
L’idea di un diablo su cellulare non è male, ma capisco anche chi ha speso soldi e tempo per andare al blizzcon e vedersi presentare questa cosa.