Copertina

A fine aprile, gli sviluppatori del team di Hearthstone Chadd Nervig e Conor Kou hanno partecipato ad una sessione di Q&A con la comunità cinese. Le risposte sono state originariamente pubblicate sul sito NGA il 7 maggio e sono state tradotte e postate su reddit dall’utente EerieIratxoak il 12 maggio.

Di seguito c’è il nostro riassunto in italiano e alcune considerazioni.

  • Il rework del set Base/Classico del Sacerdote è cominciato poco più di un anno prima della sua presentazione, ed è coinciso con l’inizio dello sviluppo del Cacciatore di Demoni e dell’espansione Ceneri delle Terre Esterne.
  • Se si arrivasse alla decisione di revisionare un’altra delle classi originali (cosa non scontata a detta degli sviluppatori) i tempi non cambierebbero di molto.
  • L’intervistatore ha citato la notizia sulla maggioranza di giocatori cinesi in Wild e ha chiesto quali fossero i prossimi passi per supportare il formato Selvaggio. Non c’è stata una risposta precisa, ma Blizzard ha citato le offerte speciali nel Negozio come forma di supporto.
  • Attualmente Blizzard non ha intenzione di mostrare l’esatto valore dell’MMR classificato, a differenza di come già fa nella Battaglia. La motivazione fornita dagli sviluppatori è che si tratta di un sistema che non mira a calcolare il livello di bravura del giocatore bensì a garantire partite eque, quindi non avrebbe senso mostrarlo.
  • Molti giocatori hanno notato un forte aumento del numero di giocatori al Grado Leggenda e hanno chiesto se fosse merito più della nuova classe o del nuovo sistema classificato. Nemmeno qui Blizzard ha risposto precisamente, ma ha fatto notare come le nuove ricompense legate alla classifica siano decisamente allettanti.
  • Blizzard ha affermato di aspettarsi che il Cacciatore di Demoni avesse bisogno di bilanciamenti post lancio, per questo motivo si sono preparati a fare interventi così rapidi e frequenti. Al momento nessuna conferma o smentita per nuovi nerf.
  • Un tema molto spinto ultimamente dal Team 5 è quello della ridefinizione dell’identità di classe e i giocatori vogliono saperne di più della relazione tra questa filosofia e le carte Generiche. Andando avanti, Blizzard vuole che le carte Base/Classiche siano le meno “estreme in una maniera o nell’altra”, mentre con le carte delle espansioni si porranno meno limiti proprio perché la loro permanenza in Standard è limitata.
  • Ancora nessuna nuova comunicazione sul set Classico del Cacciatore di Demoni.
  • Nessun annuncio per quanto riguarda l’eventuale aggiunta di elementi cosmetici alla modalità Battaglia.

Chiunque abbia letto queste risposte non si sarà sorpreso nel notare che non ci sono vere novità, ma è una cosa normale per un’iniziativa di questo tipo, riservata ad una sola comunità e lontano da annunci importanti. Per chi vi scrive però l’importanza di questo evento è un’altra.

Dopo il primo, turbolento, inizio di espansione, Blizzard ha smesso di comunicare coi giocatori se non per gli atti dovuti come hotfix o patch note. Un silenzio che è difficile giustificare con l’emergenza sanitaria quando Jeff Kaplan ha già realizzato non uno ma ben due video di aggiornamenti di Overwatch da casa.

Tutto ciò cozza fortemente con i promessi impegni di una miglior trasparenza, ripetuti anche nell’ultimo AMA, e alimenta ancora una volta il clima di sfiducia (una delle cause delle difficoltà di Hearthstone). Per fortuna Blizzard sembra già essersene accorta e ha già annunciato un piccolo evento per la comunità, ma che lascerà chi è assetato di novità con la bocca asciutta.

La prima espansione dell’anno è cruciale per riuscire a trattenere l’utenza e lavorare tranquillamente sulle grosse feature promesse lo scorso 17 marzo. Blizzard deve chiarire se e come sta ascoltando le discussioni dei giocatori.

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti