Copertina

Gerardo “Gera89” Di Pietro è un veterano della comunità italiana di Hearthstone. Fin sa subito si è impegnato nei tornei, arrivando in Top 8 alla European Road to BlizzCon 2015, primo all’Italian Spring Qualifier 2016 e di nuovo in Top 8 nell’Heart & Spades 2016. Nel 2016 si è ritirato dal competitivo per dedicarsi completamente allo streaming, recentemente ha anche partecipato al reveal ufficiale di Salvatori di Uldum.


Ciao Gerardo, raccontaci qualcosa di te e di come sei entrato in contatto con i giochi Blizzard.

Ciao, volevo ringraziare te e la redazione per quest’intervista. Sono da sempre un appassionato di videogame e soprattutto card game, quando venne annunciata la beta di Hearthstone decisi di provarla, ero molto curioso vista la mia passione per questo tipo di giochi. Ne rimasi affascinato e me ne appassionai subito!

Attualmente ti stai dedicando a streaming e creazione di contenuti, ma in passato sei stato anche un giocatore competitivo di Hearthstone. Qual è il tuo obiettivo principale quando ti lanci in questo tipo di attività?

Il mio obiettivo è sicuramente divertirmi e far crescere la mia community a cui tengo molto. Inizialmente cercavo di farla crescere tramite risultati in tornei competitivi, di farmi conoscere tramite questi eventi e tornei, oggi invece lo faccio condividendo la mia esperienza!

Rispetto alla media italiana degli streamer, appartieni a un’altra demografia (sposato e già occupato): ci sono vantaggi e svantaggi legati a questa cosa? Come vieni visto da un nuovo spettatore quando arriva per la prima volta sul tuo streaming?

Sono un ragazzo molto legato ai valori della famiglia, mi sono sposato a un età abbastanza giovane per questa generazione. Non ci sono svantaggi per il lavoro che faccio, come un qualsiasi lavoro una parte della giornata la devi dedicare a quello. I vantaggi dal mio punto di vista sono la serenità che deriva da un passo così grande come il matrimonio, senti di aver fatto qualcosa di buono nella vita e ciò ti rende più sereno, cerco di trasmettere questi valori anche a chi mi segue e molti mi apprezzano per questo!

Uno degli ultimi video di Gera dedicati a Salvatori di Uldum.

Se un giocatore volesse intraprendere la carriera competitiva, quali sono i passaggi da effettuare?

La cosa sicuramente più importante è la costanza dei risultati. Hearthstone è un gioco di carte, quindi sempre soggetto a qualche forma di RNG, che però sul lungo periodo si attenua. Delle buone mosse sono finire alto nella Classificata Legend e ottenere risultati costanti nei tornei Open. La strada dello streaming è ottima per farsi notare, ma secondo me non è la migliore per allenarsi perché richiede un impegno troppo diverso da quello competitivo. Continuando a impegnarsi, un’organizzazione disposta a finanziarti arriverà senz’altro.

Si parla spesso di quanto sia difficile per un nuovo giocatore cominciare su Hearthstone. Molti affermano che tre espansioni all’anno con preordine da 50/80 € siano esagerate per quello che offrono a livello di carte. Tu come vedi la situazione?

Secondo me il paragone dovrebbe essere fatto con altri giochi di carte. La media sia per i giochi di carte fisici che digitali è di almeno 4 espansioni l’anno con prezzi che si aggirano sugli stessi livelli di Hearthstone. Sicuramente un punto da tenere in considerazione è la necessità di una software house di avere i mezzi per continuare a supportare il gioco, perciò ci deve essere un giusto equilibrio tra free to play e necessità economiche del gioco.

Martedì 6 agosto è stata rilasciata Salvatori di Uldum, un’espansione che ha suscitato molti pareri positivi nella community soprattutto riguardo al power level. È sicuramente troppo presto per trarre conclusioni sul meta, ma c’è stata qualche carta o mazzo che ti ha stupito rispetto alla fase di recensione?

Salvatori di Uldum è un’espansione che lascerà il segno su Hearthstone perché è stata per la prima volta inserita una carta con una IA spaventosa. Parlo di Zefris il Grande, una carta Leggendaria che calcola la situazione offrendoti la carta che ti farà vincere o tornare in partita. La potenzialità di Zefris è proporzionata alla bravura del giocatore! Poi con Uldum in generale io mi sto divertendo molto, tante novità, tanti mazzi! Ottimo Lavoro Blizzard!

Per capire a fondo come funziona Zefris clicca qui.

In un nostro recente articolo, affermiamo che con l’Ascesa delle Ombre il Team 5 è riuscito a movimentare la vita di un’espansione, ma al tempo stesso il gioco in sé non ha compiuto “passi avanti” e questo ha portato a una perdita d’interesse da parte dei giocatori. Qual è il tuo punto di vista?

Io ho sempre visto Ascesa delle ombre come un pre-set, una preparazione a un espansione più grande; credo che per movimentare Hearthstone Blizzard abbia dovuto sacrificare un po’ alcune espansioni. Un brutto meta non si risolve con una sola espansione o si rischia di finire in un buco sempre più grande, non so se mi spiego, a volte bisogna avere pazienza e preparare il meta per una svolta, ed è quello che sta accadendo con Uldum.

Il ritorno della Lega degli Esploratori è stato accolto in maniera decisamente positiva per via di ciò che ha rappresentato ai tempi. Tu hai qualche ricordo legato al primo Reno Jackson o qualche altra vecchia carta che ti porti nel cuore?

Reno Jackson è una carta che ho amato e giocato molto! La Lega degli Esploratori ha introdotto i deck monocopia competitivi e questo permetteva di giocare deck con molte più carte diverse, di avere tante scelte ogni turno e di conservare le uniche copie delle carte chiave per i turni più importanti!

Passiamo adesso a una serie di domande veloci. Qual è il nerf (o i nerf) che Blizzard dovrebbe implementare il prima possibile?

Per capirlo bisognerebbe fare molti test e avere a disposizione molte statistiche, quindi preferisco lasciare questo lavoro a chi è più esperto di me come chi lavora in Blizzard, tuttavia ci sono carte che mi danno particolarmente fastidio, esempio Tramortimento del Ladro. Per 2 Mana non trovo sia corretto che possa rimbalzare senza limiti, perché molto spesso impegni 10 mana, quindi un turno intero, per vederti rimbalzare il tutto per 2 semplici mana e, per quanto possa stare attento il giocatore giocandoci intorno, molto spesso sei costretto a subire!

Secondo Gera, questa carta fa troppo per troppo poco.

Se tu dovessi consigliare a un nuovo giocatore su cosa spendere il proprio Oro o Polvere Arcana, cosa gli suggeriresti?

Set Classico, ha le carte più usate e in quantità maggiore!

Se potessi cambiare una singola cosa su Hearthstone o un altro gioco Blizzard a tua scelta, che cosa faresti?

Inserirei su Hearthstone delle animazioni speciali o artwork delle carte alternativi e li darei in premio durante eventi o a chi fa Legend. In questo modo si ha un obiettivo valido senza compromettere chi non possiede tale artwork, proprio perché non modifica effetti della carte! Sarebbe bello avere un qualcosa di diverso fra giocatori o una versione unica di qualche carta.

Grazie mille Gera per il tuo tempo! Se qualcuno volesse seguire te e i tuoi contenuti dove ti può trovare?

Grazie a voi! Ecco i miei social:

Per favore Accedi per commentare
  Segui  
Notificami