Post thumbnail

Dopo l’annuncio della nuova espansione Sfida di Rastakhan gli sviluppatori hanno dedicato un panel solamente all’esperienza PvE di Hearthstone. Sul palco sono saliti il Lead Mission Designer Dave Kosak insieme ai Mission Designer Paul Nguyen e Giovanni Scarpati.

L’evoluzione del PvE su Heartstone

La conferenza è stata introdotta da un lungo racconto su come sia cambiato nel tempo il concetto di Avventura. Già con la Maledizione di Naxxramas gli sviluppatori sono riusciti a raccontare delle storie, far affezionare i giocatori ai personaggi e presentare un tema coeso. Purtroppo però non mancavano i difetti: quantità di carte introdotte nel meta spesso insufficiente, scarsa rigiocabilità e una difficoltà che doveva essere tenuta bassa per essere accessibile a tutte le Collezioni.

Con Cavalieri del Trono di Ghiaccio il Team 5 ha unito per la prima volta il rilascio di un’espansione a quello di un’avventura, fornendo anche una difficoltà soddisfacente: sconfiggere il Re dei Lich con tutte le classi. Però il problema della rigiocabilità era ancora presente.

Con Coboldi&Catacombe e Boscotetro hanno finalmente offerto un contenuto divertente da rigiocare, grazie alla costruzione del mazzo durante la “corsa” e l’introduzione di carte sbilanciate per i giocatori. Inoltre poteri come quello di Toki la Smonta Tempo hanno contribuito a sviluppare la tecnologia che nel Laboratorio Enigmi permette di ricominciare i turni senza riavviare la partita.

Simpatico aneddoto: il team di Kosak sta cercando praticamente da sempre di ricreare un Tower Defense su Hearthstone, ma l’unica cosa concreta che ne è venuta fuori è stato il personaggio di Darius Crowley nella Caccia ai Mostri. Hanno promesso di continuare a provarci però!

Sfida dei Loa

La nuova edizione del single player presentata con la Sfida di Rastakhan si propone di prendere tutto il meglio di quello che è stato fatto finora e di portarlo avanti. In questa avventura impersoneremo Rikkar, un giovane troll desideroso di dimostrare il proprio valore nell’Arena dei Gurubashi.

Il dorso della Sfida dei Loa

All’inizio della corsa dovremo scegliere una fra 3 carte Santuario di classe che determineranno la nostra appartenenza al team. Un Santuario è un servitore che compare sul nostro lato del campo all’inizio di ogni partita e che ritorna in vita 3 turni dopo essere stato distrutto. Ogni classe ha a disposizione 3 diversi Santuari, tutti con un effetto passivo molto potente. Rikkar cambierà anche il suo aspetto in base al team scelto.

Tre esempi di Carte Santuario

Guideremo Rikkar contro 8 Campioni delle altre classi e riceveremo i nostri premi dopo ogni vittoria, nella maniera in cui le Spedizioni ci hanno abituato. Attualmente non sappiamo molto sui nemici ma nuove informazioni saranno rivelate nelle prossime settimane.

Gli sviluppatori inoltre desiderano farci sentire l’emozione per l’apertura dell’a Sfida dei Loa. Per celebrare l’evento ci saranno Risse speciali dedicate all’introduzione di personaggi e ambientazione.

La Sfida dei Loa sarà aperta il 13 dicembre dopo il rilascio dell’espansione, prevista il prossimo 4 dicembre.

Invece che Tesori, troveremo Compagni di Squadra!
Per favore Accedi per commentare
  Segui  
Notificami