Copertina

Il 22 luglio 2020 comincia ufficialmente la spoiler season dell’Accademia di Scholomance, una scuola fondata da Kel’Thuzad quando era ancora in vita. Al tempo stesso è anche il sesto anniversario del rilascio della Maledizione di Naxxramas, un momento fondamentale per il gioco e la sua community. Dati i collegamenti che anche Blizzard ha fatto nell’annuncio della prossima espansione, facciamo un salto nel passato.

È l’11 aprile 2014. Hearthstone era stato ufficialmente lanciato da un mese e il Team 5 era tornato al Pax East, la convention dove il gioco di carte era stato svelato al mondo l’anno precedente. In quella modesta presentazione venne rivelata la Maledizione di Naxxramas e le sue prime cinque carte: Becchinoc8a68cea318ba78d690aba7dcc6079934db1218f99d0e5d4d51a144cd7aec267, Ombra di Naxxramas5df6147ea91e19071eb8c69fc83863819c78a0d2dd1cc2e436c02b6cff2fa960, Uovo di Nerubianodf672e33af33fbb68e50e532f011d04be4d5033fc89ce72afad055899b8936ad, Spade Danzanti5850759d3bd69302e26ce49ac15c6dfdf356ce31336362c3a29e9d901019f05d e Barone Fieramorteff9b5c899e6f79f6a9e1e49aeaeab09b6073107d4f694c384a8eb0835a6459da.

Il pubblico era entusiasta per le novità e per buoni motivi: si trattava del primo contenuto per Hearthstone dopo il lancio, la grande introduzione del PvE in un gioco unicamente PvP che si univa all’atmosfera di uno dei luoghi più iconici di World of Warcraft. I giocatori erano pronti per essere conquistati.

Le canzoncine non erano ancora la norma nei trailer di Hearthstone.

Fin da subito però emerse un problema, che abbiamo visto affrontare sempre più di petto da Blizzard negli anni successivi: la gestione della spoiler season. Oggigiorno la prassi è mostrare il più possibile nel minor tempo possibile, ad esempio nei prossimi sette giorni vedremo 121 carte, ma nel 2014 ci siamo dovuti far bastare 30 carte in tre mesi. In più, una generale confusione riguardo data di rilascio e prezzo hanno alimentato a dismisura l’impazienza dei giocatori.

Finalmente arrivò il 22 luglio, ma chi si fece trovare al varco venne accolto da lunghi caricamenti e disconnessioni che durarono alcuni giorni. Il peggio però arrivò la settimana successiva: chi cercò di acquistare la seconda ala con l’Oro rischiava di rimanere bloccato sulla schermata “In attesa di autorizzazione”, problema che Blizzard riuscì a risolvere completamente solo dopo settimane. Il meme “Is Naxx out?“, che ancora oggi si legge nelle chat di Hearthstone, nacque proprio in questo periodo.

Per fortuna non ci furono ulteriori problemi e i giocatori si affezionarono moltissimo all’Avventura e ai canoni che introdusse in Hearthstone: la divisione in ali rilasciate settimanalmente, la modalità Eroica, le interazioni coi Boss e i dialoghi ironici di Kel’Thuzad.

kelthuzad
Una delle molteplici interazioni tra Kel’thuzad e i Boss.

Naxxramas è uscita dal formato Standard il 27 aprile 2016, in concomitanza con l’uscita di Sussurri degli Dei Antichi. Gli sviluppatori di Hearthstone però hanno sempre avuto occasione per parlarne.

Ad esempio Ben Brode aveva pubblicato una lista dei prototipi, dove abbiamo visto un Loathebccaab0dba9d478f7bd8af11a8e23e5bf7352a05a0b853f1200616f3b2d78eb91 che annullava qualsiasi effetto di guarigione o una Frantumazioneeda5f02cdb471812ffd5fcb376d6ac2fc338a89a9d20a15e4fdc6f7bcfea5116 che distruggeva tutti i servitori congelati. Dean Ayala invece su reddit aveva commentato la prima versione di Becchinoc8a68cea318ba78d690aba7dcc6079934db1218f99d0e5d4d51a144cd7aec267 (che prendeva anche +1 Salute), affermando che era stato un vero e proprio “colpo mancato” del team di bilanciamento, a quel tempo alle sue prime esperienze.

Con l’uscita delle Spedizioni di Coboldi&Catacombe il 7 dicembre 2017, il PvE di Hearthstone ha compiuto una svolta introducendo una struttura flessibile e rigiocabile, abbandonando l’introduzione di nuove carte insieme al contenuto da singolo giocatore. Più recentemente le Avventure Risveglio di Galakrond e Ordalia del Vilfuoco hanno ripreso la vecchia impostazione, ma è chiaro a tutti che il futuro del PvE di Hearthstone ha già preso un’altra strada.

Per molto tempo Kel’Thuzad ha avuto il primato di antagonista di Hearthstone, strappatogli da Rafaam e la Lega del M.A.L.E. negli anni successivi. Con l’Accademia di Scholomance si prospetta davvero un ritorno in grande stile, e siamo curiosi di vedere se gli omaggi non si fermeranno soltanto al ritratto del preordine. Cosa vi aspettate dal Maestro del Culto dei Dannati?

kelthuzad ritratto collezione

Segui
Notificami
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
VBK5

Bell’articolo