Copertina

Activision Blizzard e Fanatics: conclusa la partnership per l’eSport

Scritto da Tonio "Cash" Damato - 4 Febbraio 2021 alle 14:45

Nella notte è giunta la notizia che Activision Blizzard e Fanatics hanno, di comune accordo, posto fine alla loro collaborazione per il settore eSport. Tuttavia secondo voci interne il rapporto tra le due aziende rimarrà solido per altre componenti commerciali.

Per fare un breve riassunto per chi si è perso la vicenda. Nel 2018 Blizzard sigla un accordo con Fanatics, la nota azienda di merchandising per gestire la vendita al dettaglio di tutti i prodotti della Overwatch League. Questo fu il primo accordo commerciale dei Fanatics nel mondo eSport. Nel 2019 l’accordo si estese a tutti i settori eSport di Blizzard, includendo dunque anche la Call of Duty League e lasciando la libera gestione del Gear Store a Fanatics. Sullo store ufficiale Blizzard come sappiamo ci sono tutti i prodotti dei numerosi giochi di casa Irvine come Overwatch, Hearthstone, Starcraft e World of Warcraft.

La prima ad annunciare la rottura della partnership è stata la squadra dei San Francisco Shock, che ha twittato con un emblematico: “Via il vecchio, dentro il nuovo”, annunciando in contemporanea il nuovo accordo tra il brand San Francisco Shock e Meta Threads. La rottura tra Blizzard, squadre della OWL e Fanatics sembra essere stata raggiunta di comune accordo da tutte le parti coinvolte.

Secondo voci interne il malcontento era provocato dalle lamentele dell’utenza nei ritardi nelle spedizioni, oltre al fatto che numerosi team della OWL e della CoD League lamentavano ritardi nella creazione del proprio merchandising, ovvero magliette, berretti e tanto altro. I Fanatics non sarebbero stati abbastanza reattivi nel gestire l’immensa richiesta degli appassionati di eSport. Anche se l’emergenza pandemica ha bloccato gli eventi dal vivo, come l’iniziativa Homestand della OWL, l’interesse per l’acquisto di oggetti dedicati alle squadre competitive dell’eSport di Blizzard non è calato come si pensava.

In attesa di una dichiarazione ufficiale da parte di Blizzard, una fonte interna rivela che ogni team potrà stringere degli accordi indipendenti sul proprio merchandising. Il Gear Store di Blizzard è sempre stato al centro di polemiche; prima per via dell’assenza di una sezione dedicata all’Europa, successivamente ad un caos per quanto riguarda i preordini di collector’s edition e ritardi nelle spedizioni, finché Blizzard ha deciso di dare in gestione ad una terza parte il proprio store.

Vedremo se per noi consumatori cambierà qualcosa, soprattutto in termini di prezzi e/o qualità. Nel frattempo vi ricordiamo che per festeggiare i suoi 30 anni Blizzard metterà in commercio un’edizione limitata dell’elmo del re dei Lich sul proprio Gear Store. Inoltre se volete ricevere un 15% di sconto all’interno dello Store dovete acquistare uno dei pacchetti della Celebration Collections.

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti