Copertina

Nella notte, in concomitanza con la BlizzCon 2019, è andato in onda anche il grande show di StarCraft II e quest’anno c’è stata la grande presenza del nostro giocatore italiano Riccardo “Reynor” Romiti. Tutto è accaduto in una notte (ora italiana) e mentre la maggior parte del pubblico è presa dai grandi annunci di Diablo IV ed Overwatch 2, tutti gli altri appassionati di StarCraft II si accalcano per vedere cosa succederà.

Il torneo parla coreano, infatti gli unici due “stranieri” sono il finlandese “Serral” e l’italiano “Reynor”, due europei in cima al mondo. Si parte subito con i quarti di finale in cui “Serral” affronta “soO” e stravince per 3-0, il finlandese mostra subito i muscoli conquistando agevolmente le prime tre mappe. Arriva il turno di “Reynor” che affronta il coreano “Trap”, sfida più tattica, nessuno dei due vuole cedere ma l’italiano riesce ad imporsi con un ottimo 3-2 e a volare in semifinale. Gli altri quarti vedono vincitori altri due coreani: “Classic” e “Dark”.

La prima semifinale è tutta europea tra Serral e Reynor, e si ripropone lo scontro tra i due che l’ultima volta a Montreal aveva visto come vincitore proprio Serral. Questa volta è l’ora della rivincita e Reynor lo sa e lo dimostra, il suo gioco e super aggressivo nei confronti di Serral con dei Baneling che riescono a mettere in crisi più e più volte le fila dell’avversario e a neutralizzare la maggior parte delle minacce. Di contro Serral opta per i grandi numeri con delle composizioni in cui sono presenti moltissime Ultralische per cercare di spezzare le difese dell’italiano. I due arrivano ad un affannato pareggio di 2-2 e si decide tutto al quinto game che è veramente un delirio assoluto di micro e macro. Le dita danzano che è un piacere su quelle tastiere e gli scontri tra i due schieramenti Zerg si sprecano. Ma Reynor la spunta ancora una volta e riesce a vincere per 3-2.

La Finale. Il sogno che tutti gli italiani aspettavano da anni è finalmente realtà, per chi è cresciuto a pane e StarCraft sa che questo è un evento che riempie d’orgoglio tutto l’esport italiano. Ancora un Zerg versus Zerg, Reynor contro Dark. Il coreano sa il fatto suo, infatti ha superato gli altri sue connazionali sempre con un 3-0 netto. Il primo round è subito soverchiante da parte di Dark che inizia in maniera aggressiva con Mutalische che dopo poco iniziano a prendere di mira i primi Overlord di Reynor; l’italiano si difende come può mettendo su qualche Idralisca e Lanciaspore. Il secondo match inizia in maniera equilibrata, qualche scout da entrambe le parti con Zergling e qualche Balening ancora. Entrambi i giocatori optano per un mass di Blatte, ma qui arriva nuovamente il colpo a sorpresa di Dark, il Verme Nydus che sorprende ancora una volta Reynor e lo mette in panico assediato nella sua main Hatch e terza base. Reynor temporeggia quando ha accumulato 2000 minerali, ma è rimasto senza Alveari e con un manipolo di Blatte e dopo poco abbandona.

Sulla terza mappa Winter’s Gate tutto sembra procedere normalmente, Dark è in vantaggio per 2-0 e vuole chiudere la partita e al minuto 1.22 arriva un altro colpo di testa da parte del coreano per spiazzare l’avversario: un Drone Rush. Creata la Pozza e due Zergling il coreano parte all’attacco con tutti i suoi Droni, si infila nella base di Reynor e cerca di sorprenderlo con la creazione di alcuni Impalatori. L’italiano è attento e qui si vede la qualità e la freddezza nel saper rispondere all’avversario. Senza lasciarsi prendere dal panico Reynor gestisce ottimamente la micro dei suoi Droni sventando il rush avversario. Dark si arrende subito dopo aver perso tutto, ha tentato ma ha fallito. Fallimento che non si ripeterà per le prossime due mappe in cui il coreano è sempre in vantaggio e la strategia Nydus risulta vincente.

Finisce così con un 3-1 a favore di “Dark” che solleva la coppa e porta a casa il montepremi di 210.000 $. Reynor è secondo e conquista comunque un buon montepremi di 96.000$. Riccardo è stato immenso, è arrivato dove nessun altro italiano è mai arrivato nell’esport Blizzard ed in particolare di StarCraft II. L’impegno e il lavoro si sono visti e sicuramente l’affiliazione al team GamersOrigin ha dato i suoi frutti. Cosa è mancato? Onestamente, da parte di chi vi scrive, non ci sono state delle mancanze e semplicemente “Dark” è risultato più bravo, più scaltro a sorprendere in maniera aggressiva l’italiano. Sicuramente gli errori tattici ci sono, in tutti i match e per tutti, ma questa finale è stata condotta in maniera eccellente.

DailyQuest si congratula con Riccardo “Reynor” Romiti per il suo risultato. È mancata solo la coppa, ma non la gloria a queste StarCraft II: WCS.

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti