World of Warcraft

Warcraft: luci, ombre e numero di abbonati nella conferenza della GDC dedicata al franchise

warcraft gdc 2024 hight

Alla conferenza GDC dedicata al 30° anniversario del franchise di Warcraft, il vicepresidente e direttore John Hight ha presentato l’evoluzione del franchise nel corso del trentennio, facendo vari excursus sia sui successi che i fallimenti degli ultimi anni, trattando anche il numero degli abbonati a WoW da Legion a Dragonflight. Vediamo cosa è stato detto, grazie all’aiuto di Inven che ha riportato gran parte dell’intervento.

Partiamo dalla parte più “succosa”: come ben ricorderete, da Warlords of Draneor Blizzard ha deciso di smettere di condividere il numero di abbonati. L’ultima cifra ufficiale risale a settembre 2015, con 5,5 milioni di giocatori. Nel grafico qui sotto, possiamo vedere l’evoluzione del numero di abbonati da Legion in poi, comprese patch e rilasci di WoW Classic.

image 17
Tendenza della media degli abbonati fra Legion e Dragonflight.

Come potete vedere dal grafico, i numeri effettivi degli abbonati non sono presenti, ma come “investigato” da Bellular, la cifra attuale dovrebbe attestarsi intorno ai 7 milioni di giocatori, sia per Classic che per Retail. Tutto questo probabilmente non comprende il numero di giocatori cinesi.

image 22
Il grafico di Bellular sul numero di abbonati

John Hight ha anche discusso del fallimento di Shadowlands e delle sue cause. L’espansione è stata una delle più problematiche della storia di WoW e dal grafico si deduce che sia stata una vera ghigliottina per il numero degli abbonati.

Tra i problemi riconosciuti dagli sviluppatori, spiccano il mancato carisma del Carceriere, l’aver messo da parte i personaggi principali del franchise e, soprattutto, una mancanza di varietà e di sistemi divertenti o utili ai giocatori. Oltre a questa già rara ammissione di colpa, Hight rincara la dose dicendo che trasparenza e ascolto della community erano forse ai minimi storici durante Shadowlands e questo forse è stato l’aspetto determinante per il fallimento dell’espansione.

image 18
L’autopsia di Shadowlands

Come ben sappiamo, Blizzard ha lavorato duramente per riconquistare la fiducia dei giocatori e il risultato si può vedere con Dragonflight, che sicuramente non è un’espansione perfetta, ma è riuscita quantomeno a recuperare un gran numero di giocatori, mantenerlo stabile e ristabilire un contatto con la community. Dai sistemi di gioco alla pubblicazione di roadmap per i contenuti, Dragonflight è stata la giusta risposta al periodo tetro di Shadowlands.

Hight ha anche fatto una gran disanima della storia del franchise e di cosa ha determinato il successo di Warcraft, così popolare e duraturo nel tempo, nonostante alti e bassi. L’intervento è stato molto interessante e vi consigliamo di recuperarlo nella sua interezza, tramite Inven oppure VOD quando pubblicato.

In ogni caso, fra numero di abbonati ripristinato, WoW Classic nelle sue sfaccettature e la Worldsoul Saga in arrivo, sembra che World of Warcraft possa ancora competere in questi anni, a patto di rinnovarsi senza tradire alcuni suoi pilastri fondanti.



MasterRedz

About Author

Signore indiscusso della redazione, MasterRedz ha spadroneggiato in BattleCraft dopo aver sterminato i suoi rivali a furia di dirette BlizzCon e articoli. Ora ha puntato gli occhi sulla conquista di DailyQuest e nessun redattore sarà al sicuro!

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti