Copertina

Il rilascio di WoW Classic, previsto per l’estate 2019, si sta avvicinando e il team di sviluppo ha pubblicato un piccolo aggiornamento sullo stato dei lavori.

Grazie alla Demo rilasciata durante la BlizzCon 2018, gli sviluppatori hanno utilizzato il feedback dei giocatori per correggere diversi bug che vengono descritti nel comunicato. Ciò che ci interessa di più è che si tratta del primo vero comunicato dopo quello di novembre (escludendo la piccola parentesi dell’intervista di Computer Bild). La speranza è che ci siano presto altre novità in merito, soprattutto sulla data d’uscita.

Ti interessa saperne di più? Leggi le nostre impressioni della Demo.

Un saluto a tutti gli appassionati di World of Warcraft Classic! Durante l’inverno, abbiamo seguito molto da vicino le discussioni sui forum (e non solo) a riguardo e volevamo dare ai giocatori qualche aggiornamento su alcune cose a cui il team di sviluppo ha lavorato in seguito alla BlizzCon e alla demo di World of Warcraft Classic.

Il feedback ottenuto dalla demo ha superato ogni aspettativa. Un ringraziamento sentito a tutti coloro che ci hanno fornito tutti i feedback su cui abbiamo potuto lavorare, in particolar modo ai membri della community che hanno contribuito a creare una lista dei problemi che i giocatori hanno riscontrato nella demo. Abbiamo analizzato tutto ciò che questi giocatori ci hanno riferito e volevamo condividere alcuni aneddoti in modo che tutti possano capire come stiamo affrontando questi problemi.

Molti giocatori hanno notato che la rigenerazione della salute e il moltiplicatore dei danni critici degli incantesimi erano errati. Che occhio! Pensavamo di aver risolto questo problema lavorando alla demo, ma con nostra grande sorpresa è saltato fuori nuovamente. Prima della BlizzCon, avevamo controllato specificatamente la rigenerazione di salute e mana e risolto i problemi con i colpi critici. Avevamo anche svolto dei test sui combattimenti e sulla rigenerazione per assicurarci che tutto fosse perfetto.

È venuto fuori che c’era una discrepanza tra il modo in cui World of Warcraft Classic era configurato nel nostro ambiente di testing in ufficio (corretto) e nell’ambiente della demo che è stato proposto ai giocatori (errato). Questa scoperta ci ha insegnato a controllare meglio le configurazioni dell’ambiente di testing prima della pubblicazione.

Un altro problema che i giocatori hanno riscontrato riguarda l’evocazione dei Demoni da parte dello Stregone, che risultava errata: molti giocatori dicevano che non si sarebbe dovuto perdere il Demone attuale prima dell’apparizione di quello nuovo. Abbiamo controllato e nella versione originale della patch 1.12 di WoW, non appena si cominciava a evocare un nuovo Demone, quello precedente scompariva, proprio come è avvenuto nella demo. Ci sono stati inoltre diversi altri casi come “i mostri rari infliggono molti meno danni” e “i Coboldi della Miniera Venacava corrono più velocemente del normale quando si cerca di scappare” dove le situazioni di gioco riscontrate della demo sono identiche alla patch 1.12 di World of Warcraft.

Un’altra cosa importante che vogliamo condividere con i giocatori è che ci sono diversi bug che risolveremo prima della pubblicazione, ma ce ne sono altri che non intendiamo correggere. Come abbiamo detto durante la presentazione della BlizzCon, non vale la pena risolvere alcune di queste differenze, come per esempio il funzionamento della posta. Abbiamo comunque corretto alcune problematiche che avevano un’alta priorità:

Indice di critico: ogni oggetto ora “Aumenta la probabilità di critico del X%.”

L’energia del Ladro non funzionava correttamente: beneficiava della celerità in mischia e veniva ricalcolata più frequentemente del previsto. Entrambi i problemi sono stati risolti.

L’effetto di Caduta Lenta non viene più applicato ai salti.

Gli attacchi a distanza e con le bacchette causano nuovamente ritardo nel lancio degli incantesimi.

Le schivate, le parate e gli attacchi che mancano il bersaglio non si verificavano abbastanza frequentemente.

Ovviamente, non abbiamo fatto solo questo, ma volevamo dare un’idea delle cose a cui stiamo dando priorità: sistema di gioco di base, combattimento e contenuti. Abbiamo lavorato anche ad altri aspetti, come per esempio l’interfaccia utente, e vogliamo inoltre assicurarci che la grafica dia la stessa sensazione di un tempo, ma il nostro obiettivo primario rimangono le dinamiche di gioco.

Continueremo a seguire le discussioni e apprezziamo l’entusiasmo che si è generato. Pubblicheremo ulteriori informazioni qui appena possibile.

Grazie e preparati per un’estate Classica!

Per favore Accedi per commentare
  Segui  
Notificami