Copertina

Negli scorsi giorni, numerosi giocatori hanno domandato a Blizzard se avesse intenzione di cambiare la dinamica di ottenimento e reset del buff Rallying Cry of the Dragonslayer (Grido di Adunata dell’Ammazzadraghi).

Questo buff può essere ottenuto tramite appositi NPC presenti a Stormwind (Roccavento) ed Orgrimmar, consegnando loro un oggetto di missione ottenuto uccidendo Nefarian o Onyxia.
Tale buff, della durata di 2 ore, viene applicato ad ogni giocatore presente nella città al momento della consegna della missione. Da quel momento, il server conteggia un cooldown di 6 ore prima di poter riapplicare il buff.

Questo tempo di recupero può però essere resettato: infatti, se un giocatore della fazione opposta riesce a utilizzare l’abilità del Sacerdote Mind Control (Controllo Mentale) sul NPC che fornisce il buff, questo può essere ucciso. L’uccisione del NPC azzera il tempo di recupero di sei ore, permettendo quindi ai giocatori di riottenere il buff.

Essendo questo buff molto potente e molto usato da giocatori e gilde per affrontare i raid (Incursioni), tale sistema di reset forzato è assai diffuso. Blizzard ha risposto ai giocatori affermando che, dato che la tecnica del reset era utilizzata anche nel 2005, per il momento non interverrà. Comunque terrà gli occhi aperti per impedire abusi.

We’ve recently seen an increase in concerns about players resetting the Rallying Cry of the Dragonslayer buff by killing the associated NPC.

It’s important to note that this behavior is accurate to original WoW, and was possible in 2005 and 2006. Nonetheless, it’s the sort of thing that wasn’t widespread back then, and we believe that if it had been, it would have been addressed. In general, cross-faction collusion is antithetical to WoW gameplay, and the specific circumstance where players pay a member of the opposing faction help them kill their ally feels inappropriate.

There’s a related concern here – it’s entirely possible for players (who don’t know what their allies are doing or want to police what their allies are doing) to kill the hired priest, and then find themselves in conflict with their own faction-mates. We don’t like to see these sorts of hostilities within a faction of players.

Nonetheless, any change to WoW Classic has to be very carefully considered, so for the time being, we’re going to leave this functionality in place. We will continue to monitor this situation, and we may have to change it in the future. We will not suspend players for resetting the buff or attempting to prevent others from doing so. We will continue to take action against players who send hostile or offensive chat messages.

Thank you for your feedback on this.

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti