Copertina

Bobby Kotick inadatto al suo ruolo? La stampa si scatena

Scritto da Tonio "Cash" Damato - 17 Novembre 2021 alle 12:37

Quella di Bobby Kotick, come CEO di Activision Blizzard, è sicuramente una posizione molto ambita da tanti, ma negli ultimi tempi quella poltrona si è dimostrata alquanto scomoda e a tratti pericolosa. Nelle ultime ore la stampa di settore si sta scatenando contro Kotick soprattutto dopo l’ultima indiscrezione rilasciata al Wall Street Journal.

Secondo quanto riportato dal noto giornale americano Bobby Kotick sapeva delle molestie all’interno della sua azienda e molto probabilmente stava coprendo la così detta “crew culture” che si era insediata tra i dipendenti Blizzard. L’inchiesta del Wall Street Journal afferma che Kotick fosse a conoscenza di ciò che stava accadendo, ma ha totalmente ignorato le segnalazioni o forse ha deciso di nascondere buona parte della situazione per evitare una ritorsione sulla sua posizione e la sua immagine.

Come ben ricordiamo è dal 22 luglio scorso che Blizzard è invischiata della scabrosa vicenda delle molestie, da allora tra licenziamenti vari e compromessi Kotick ha cercato in molti modi di salvare l’immagine, per lo meno dell’azienda, attraverso delle iniziative di solidarietà oltre al fatto di mostrare un cambiamento radicale all’interno di Blizzard. L’abbandono di Jean Oneal inoltre ha contribuito a sgretolare quello che di buono si cercava di fare.

Activision Blizzard ovviamente ha rigettato tutte le accuse del Wall Street Journal dichiarando che sono informazioni “fuorvianti”; infine tutti gli altri organi di stampa si sono chiesti se Kotick fosse adatto al ruolo. Al momento la stessa Blizzard è in silenzio stampa e ha rilasciato solo due dichiarazioni: una che riguarda appunto l’articolo del WSJ e l’altra è una dichiarazione separata di sostegno dell’intero corpo amministrativo che sostiene quanto segue:

Il consiglio di amministrazione di Activision Blizzard punta all’obbiettivo di rendere Activision Blizzard l’azienda più accogliente e inclusiva del settore. Sotto la guida di Bobby Kotick la società sta già implementando molti cambiamenti nella politica aziendale che riguarda la tolleranza zero sulle molestie, un maggiore ascolto e dedizione al raggiungimento di percentuali significative nell’organico con donne e persone non binarie, ed infine investimenti interni ed esterni per accelerare l’inclusione di personale esterno ed interno. Il consiglio di amministrazione rimane fiducioso che Kotick affronterà adeguatamente i problemi presenti sul lavoro. Gli obbiettivi che ci siamo posti sono spinosi e ambiziosi, ma il consiglio di amministrazione confida nelle capacità di Bobby Kotick nel raggiungere questi obbiettivi“.

Per Blizzard non è sicuramente un buon momento, e tra scandali e dimissioni i fan sono sempre più irrequieti dopo l’annuncio del ritardo nel lancio di Overwatch 2 e Diablo IV. Inutile sottolineare che le azioni di Blizzard sono crollate nuovamente destando non poca preoccupazione.

azionactv
Le azioni di Blizzard pericolosamente in calo

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti