Copertina

Hearth and Home Podcast: intervista a Cora Georgiou e Liv Breeden

Scritto da Heartblow - 15 Giugno 2021 alle 13:00

Clark HELLSCREAM è uno youtuber ideatore di una serie di podcast intitolati Hearth and Home Podcast, in cui intervista volti noti della community di Hearthstone. Nell’ultimo episodio ha avuto il piacere di avere come ospiti le Game Designer Cora Georgoiu e Liv Breeden.

Il video, che potete vedere per intero in fondo all’articolo, non è molto lungo, ma sono comunque venute fuori alcune risposte e dettagli interessanti che vi abbiamo riassunto di seguito.

  • Nel primo sviluppo di Forgiati nelle Savane, i Mercenari rappresentavano una meccanica peculiare denominata “spalle” (sidekick nell’originale) che avrebbero aiutato il nostro Eroe quasi come un secondo potere Eroe. Questa potrebbe essere la stessa meccanica scartata citata da Dean Ayala in più di un Q&A (lì chiamati Campioni), che ha le sue radici nei Planeswalker di MTG.
  • Durante la lavorazione delle nuove espansioni, ci sono degli sviluppatori “capo” che coordinano gli altri team e si assicurano che il tema di quel dato set venga mantenuto in tutte le sue fasi di produzione. Per Follia alla Fiera di Lunacupa vi è stato John McIntyre, Joseph Killion si è occupato di Forgiati nelle Savane, mentre Liv stessa è a capo delle prossime due espansioni.
  • Come trovano la motivazione per continuare a lavorare sullo stesso progetto dopo tanti anni? Per Cora è il desiderio di migliorarsi e creare espansioni e archetipi migliori dei precedenti, mentre per Liv è la possibilità di reintrodurre meccaniche che in passato non hanno trovato posto.
  • Il sapere quali nuove carte sono previste per il prossimo futuro e come probabilmente cambierà lo stile di gioco di una classe a volte ha un impatto sulle decisioni riguardanti il bilanciamento.
  • Curiosità: durante la lavorazione di La Sfida di Rastakhan, i membri del team si sono divisi nelle varie squadre di Troll e sfidati in una gara a chi riusciva a essere più rumoroso. Liv, da brava Ladra, ha ammesso di essersi aggiunta punti di nascosto finché non è stata beccata.
  • La regola della D, che non permette a nessun membro del team di pronunciare la parola donut (ciambella in inglese) pena il doverne portare un vassoio in ufficio, ha fatto capolino anche in questo podcast. In puro sprezzo del pericolo, Liv l’ha violata a circa metà dell’intervista senza alcuna remora.
L’episodio integrale.
Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti