Copertina

A più di quattro anni dal debutto della Rissa, su Hearthstone è arrivata una nuova Modalità: la Battaglia. L’ispirazione è palesemente arrivata dal genere nato con Dota Auto-Chess, però trasferito su Hearthstone risulta un prodotto differente, con i suoi pregi e i suoi difetti.

In questi giorni abbiamo provato la closed beta e ci siamo divertiti molto, anche tra chi in Redazione è digiuno di Hearthstone, e oggi siamo pronti con un’anteprima in vista dell’inizio della open beta il 12 novembre.

IMPORTANTE: la Battaglia è attualmente in uno stato di beta che sappiamo durerà mesi, con addirittura cambiamenti in arrivo molto presto. Perciò quello che riporteremo di seguito potrebbe cambiare.

Come funziona la Battaglia?

In una singola partita partecipano 8 giocatori, che all’inizio selezionano un personaggio caratterizzato da un suo Potere Eroe (visibile sul sito web ufficiale). Il nostro obiettivo è rimanere l’ultimo giocatore in piedi, o almeno tra i primi quattro, perché è così che aumenteremo il nostro punteggio classificato.

Ogni Battaglia è scandita da due fasi che si ripetono ciclicamente: Reclutamento e Combattimento. Nella prima dobbiamo organizzare la nostra armata con tempo e risorse limitate, mentre nella seconda si svolgerà un combattimento automatico su cui non abbiamo alcun controllo diretto.

Ci sono delle funzioni aggiuntive che è possibile sbloccare: statistiche sulle proprie partite, una scelta di eroe aggiuntiva ad inizio partita e delle emoji da utilizzare al posto delle emote. Queste feature si sbloccano possedendo fino a 30 bustine dell’espansione più recente e devono essere sbloccate ad ogni nuovo set. Si può giocare insieme ad un amico nella Battaglia, ma non si possono completare missioni giornaliere (compresa quella degli 80 Oro) e non ci sono ricompense se non la gloria personale. Vale comunque la regola dei 10 Oro ogni tre vittorie (una sessione è considerata vinta se si finisce almeno in Top 4).

Esiste una Classifica online della Battaglia dove appaiono i primi 200 giocatori delle regioni NA, EU e Asia-Pacifica. Per potervi apparire occorre aver completato 11 Battaglie. Attualmente è escluso qualsiasi reset dell’MMR.

Reclutamento

Questa è la fase attiva della modalità e si tiene nella Locanda del nostro amico Bob. Come potete vedere dall’immagine sottostante c’è una nuova interfaccia che adesso spiegheremo.

La fase di acquisto.

Al posto dei Cristalli di Mana avremo delle Monete d’Oro che possiamo usare per eseguire delle azioni. Ogni Moneta non spesa in un dato turno andrà perduta.

  • Comprare un servitore (spostandolo sul nostro ritratto) costa 3 Monete.
  • Congelare i servitori di Bob per mantenerli fino al Reclutamento successivo è gratuito e può essere annullato ripremendo il pulsante.
  • Ricaricare i servitori costa 1 Moneta e ci offre una nuova selezione casuale di unità in vendita. L’offerta comprende servitori di attuale Livello Locanda o inferiore.
  • Potenziare la Locanda permette a Bob di offrire più servitori e di qualità superiore, fino al livello massimo 6. Il costo aumenta ad ogni level up, ma decresce di 1 ogni turno.
  • Possiamo vendere un nostro servitore sul campo (non nella mano) a Bob spostandolo sul suo ritratto, ricevendo in cambio 1 Moneta.
  • Il costo del Potere Eroe dipende dal nostro personaggio, potrebbe anche essere passivo.

Un volta comprato un servitore possiamo decidere se tenerlo in mano o schierarlo sul campo, decidendo anche la sua posizione in seguito. L’elenco completo dei servitori disponibili nella Battaglia è consultabile sul sito web ufficiale. Si tratta di una lista esigua rispetto agli oltre 1500 servitori disponibili su Hearthstone, ma ci sono anche delle new entry mai viste prima.

Al posto del Costo di Mana c’è il Livello Locanda necessario per comparire da Bob.

Se avremo in nostro possesso (in mano e sul campo, indifferentemente) tre copie dello stesso servitore non token genereremo automaticamente una Tripla, una sua versione dorata e potenziata. L’operazione consuma le carte richieste, ma vengono mantenuti tutti i buff e otteniamo una Magia che fa Rinvenire un servitore di un Livello Locanda superiore a quello attuale (se siamo al livello 2, ne otterremo quindi uno di livello 3) da aggiungere alla nostra mano. Non si possono fare “Triple delle Triple”.

La versione Tripla della carta sovrastante.

Sulla sinistra dello schermo, dove solitamente c’è la cronologia delle azioni, c’è la classifica dei giocatori in Battaglia che si aggiorna in base alla Salute rimanente. Passando il puntatore su ogni ritratto apparirà un pannello informativo che ci mostra: la sua Salute attuale, il suo Livello Locanda, quante Triple possiede (simboleggiate dalle tre carte impilate), numero di vittorie consecutive (simboleggiate dalla fiammella) e anche chi ha affrontato negli ultimi tre round. Distingueremo anche il nostro prossimo avversario perché sarà quello discostato rispetto agli altri.

Le icone compaiono accanto al ritratto anche quando il giocatore aumenta il loro contatore.

Queste sono le meccaniche della fase di Reclutamento. Come accennato in precedenza, c’è un limite di tempo da rispettare che aumenta col progredire della Battaglia, ma che cambia in base alla durata del Combattimento: più a lungo affronteremo il nostro avversario, meno tempo avremo per organizzare il Reclutamento successivo.

Combattimento

La fase passiva della Battaglia, dove l’organizzazione (o disorganizzazione) del nostro Reclutamento darà i suoi frutti. I nostri servitori assalteranno quelli dell’avversario e solo l’eroe che ne rimarrà con almeno uno in campo potrà infliggere danni diretti alla Salute dell’avversario.

I servitori attaccano a turno, uno alla volta per ogni lato, seguendo l’ordine da sinistra a destra verso un bersaglio casuale. Dopo che tutta la fila ha attaccato, il ciclo riprende e continua fino a quando almeno uno dei due giocatori è rimasto senza servitori. Il vincitore del Combattimento infligge danni al giocatore avversario pari al proprio Livello Locanda, sommato a quello dei servitori sopravvissuti.

Un Combattimento in corso.

Le abilità dei servitori funzionano come ci si aspetterebbe su Hearthstone: chi ha Provocazione deve essere distrutto prima di poter passare ai suoi compagni indifesi, chi ha Furia del Vento attacca due volte ecc. I Gridi di Battaglia possono invece essere attivati solo nella fase di Reclutamento.

Nella Battaglia di Hearthstone si affrontano gli altri giocatori fin dal primo round di Combattimento, ma nei momenti in cui si è rimasti in numero dispari può capitare di giocare contro uno degli sconfitti che si presenterà come Kel’thuzad. Il signore di Naxxramas è una IA senza Potere Eroe che utilizzerà gli ultimi servitori del giocatore che ha “rianimato”. Giocare contro di lui è generalmente più facile, ma la sconfitta non è un’eventualità improbabile.

Consigli Generali

  • Giocate il tutorial. Aiuta molto a comprendere le meccaniche della modalità. Potete ripeterlo quante volte volete premendo sul simbolo del punto interrogativo nella schermata principale.
  • Una Battaglia non è breve. Nelle nostre prove abbiamo notato che per una Top 4 vanno via anche 20 minuti.
  • Per arrivare primi in una Battaglia le sinergie tra tipi di servitori sono fondamentali. Amalgama dell'Incubo può essere bersaglio di tutti i buff disponibili e diventare quindi una vera minaccia.
  • Posizionate attentamente i servitori. Quelli che desiderate proteggere dovrebbero stare all’estrema destra.
  • I Gridi di Battaglia sono molto utili nel Reclutamento. Tenetevi uno spazio libero dedicato al loro utilizzo e rapida rivendita.
  • I token generati con Grido di Battaglia, come quello di Murloc Cacciamaree, possono essere rivenduti a Bob riducendo l’effettiva perdita di 1 Moneta d’Oro.
Per favore Accedi per commentare
  Segui  
Notificami