World of Warcraft

Dragonflight: approfondimento della zona Vastità Azzurra

Anteprima zone Dragonflight, Vastità Azzurra

Siamo arrivati al quarto approfondimento sulle nuove zone presenti in Dragonflight. Dopo aver approfondito le zone delle Pianure di Ohn’Ahra, L’isola proibita e le Sponde del Risveglio è ora il turno della zona Vastità Azzurra, di cui era già stata mostrata un’anteprima.

La zona è molto fredda e ovviamente coperta di ghiaccio e neve; qui i giocatori potranno esplorare picchi innevati, foreste nebbiose e la tundra ghiacciata. Vastità Azzurra inoltre è la regione più estesa mai creata nei 18 anni di vita di World of Warcraft. Come fauna troveremo principalmente Tuskarr, Gnoll, Draghi Blu e Mezz’orsi.

Dal lato pve, qui si trovano altre due delle otto nuove spedizioni dell’espansione:

  • Conca dei Felcepelle
  • Cripta Azzurra

Vi lasciamo con il bluepost per tutti i dettagli e la nostra pagina dedicata a Dragonflight per tutte le novità.


Forbidden Reach
la Vastità Azzurra

Avventurati nella Vastità Azzurra, un’antica terra ricoperta dal gelo, dove aiuterai Kalecgos ad addentrarsi negli Archivi Azzurri in una missione per recuperare la Pietra del Giuramento Azzurra.

Al tuo arrivo nella Vastità Azzurra, ti accoglieranno picchi innevati, foreste nebbiose e la tundra ghiacciata. La Vastità Azzurra si estende dai villaggi costieri dei Tuskarr alle ampie foreste della tundra, fino alle torreggianti guglie di ghiaccio e neve. Una volta questa era la terra dei maestosi draghi blu, ma col passare del tempo, oggi diverse tribù di Tuskarr, Gnoll e Mezzorsi chiamano casa queste antiche terre.


Vita tra i ghiacci

WoW_Dragonflight_Azure_Span_TuskarrVillage.pngLa Vastità Azzurra è una delle regioni più estese mai create in World of Warcraft, e offre il più grande cambiamento di visuale, in termini di altitudine, esplorabile dai giocatori nelle Isole dei Draghi.

WoW_Blog_Dragonflight_Azure_Span_thumb.png

È largamente ispirata a una delle nostre zone preferite di Wrath of the Lich King, i Colli Bradi, insieme all’area californiana con le sue nebbie costiere e le sequoie secolari. Anche se le sequoie non sono l’unico tipo di vegetazione che troverai nella Vastità Azzurra, come scoprirai viaggiando tra la sua natura selvaggia. La maggior parte della zona è composta da vari biomi ricoperti di neve e ghiaccio, con gigantesche cascate ghiacciate, fiumi di ghiaccio e foreste ricoperte di nebbia che invitano gli eroi affamati di avventura.


L’avventura ti aspetta nelle spedizioni della Vastità Azzurra.

Che tu sia alla ricerca di un bottino, di una nuova sfida o voglia scoprire qualcosa su queste terre antiche, dovrai radunare tutto il tuo coraggio, e i tuoi alleati, per le prove che ti attendono.

Conca dei Felcepelle

34NSG73M4KWA1660179682889

La Conca dei Felcepelle è il più grande insediamento degli Gnoll delle Isole dei Draghi, ed è piena di indicibili pericoli. Dalla conca trasuda il decadimento, che si diffonde tra le tribù degli Gnoll nella Vastità Azzurra e minaccia di far marcire tutte le forme viventi. Nel cuore della conca risiede la figura più importante dei Felcepelle e la conoscenza che allegramente condivide con tutti i suoi simili marcescenti.

  • Banda di Graffiartigli: Rira Graffiartigli e le sue compatriote, Squarciadenti e Totem Ingannatrice, sono risorte diventando una brigata letale tra i Felcepelle. Le loro strategie sono il motivo per cui i Tuskarr non viaggiano mai da soli e la loro forza è il motivo per cui Occhiofurioso le tiene a guardia dell’ingresso della Conca.
  • Ramobocca: avvizzito dal decadimento, questo Antico un tempo orgoglioso è stato soprannominato Ramobocca dagli Gnoll. Come il marciume si è depositato sui suoi rami, così si è impossessato della sua povera mente, lasciando una creatura preoccupata soltanto del proprio nutrimento e dalla diffusione del decadimento.
  • Sventrabudella: questa Gnoll è una tiratrice scelta che padroneggia l’arte della caccia, delle trappole e dello sventramento delle sue prede. Impressionata dalle sue abilità, la Decatriarca ha assegnato Sventrabudella alla supervisione e all’addestramento degli altri cacciatori… e all’eliminazione degli invasori che potrebbero avventurarsi troppo in profondità tra i Felcepelle.
  • Decatriarca Occhiofurioso: Occhiofurioso, nella sua sete di potere, ha scoperto la magia del decadimento e si è proclamata Decatriarca dopo averlo padroneggiato. Ora sta rendendo i Felcepelle sempre più forti diffondendo la sua magia oscura nella tribù, così che i Tuskarr e tutta la Vastità Azzurra marciscano con la sua ascesa.

Cripta Azzurra

ANKA5J5C2LUB1660179682877

Molto tempo fa, Malygos creò la Cripta Azzurra per permettere a Sindragosa di catalogare e conservare tutti gli strani manufatti magici che trovava. Rimasta chiusa e deserta per millenni, la cripta è caduta in rovina, diventando vulnerabile agli attacchi dall’esterno… e dall’interno.

  • Leymor: Leymor è nato da un umile seme che Malygos aveva trovato in una pozza di energia di faglia. Un tempo piccolo germoglio nel giardino di Sindragosa, col passare dei millenni Leymor è spuntato fuori come un’erbaccia. Lasciato a se stesso, il gigante potrebbe sicuramente invadere l’intera Cripta Azzurra.
  • Lamazzurra: in qualità di guardia della cripta, Lamazzurra si rifiutò di lasciarla, quando fu sigillata, anteponendo il dovere alla sicurezza. Quando i Draghi Blu non fecero più ritorno, la sua triste rassegnazione si trasformò infine in pazzia. Estendendo la propria vita con le magie che aveva giurato di proteggere, Lamazzurra ora pretende di avere il controllo sullo Stormo dei Draghi Blu rimasto indietro.
  • Telash Alagrigia: furioso contro lo Stormo dei Draghi Blu, Telash Alagrigia è determinato a trovare i segreti che Sindragosa ha tenuto nascosti nella Cripta Azzurra. Insieme alla Fiamma Frammentata, è certo che riuscirà a scoprirne di più sulle origini dei Dracthyr… e a trovare le prove che incriminano l’intero Stormo dei Draghi Blu.
  • Umbrelskul: millenni fa, Umbrelskul inconsapevolmente fu infettato da uno strano potere arcano. Crivellato di escrescenze cristalline, fu portato nella Cripta Azzurra finché non fosse stata trovata una cura. Purtroppo, la cripta fu sigillata prima che le ricerche fossero completate, lasciando Umbrelskul nel suo sonno di stasi… fino a ora.

Abitante della Vastità Azzurra

Man mano che procedi nelle tue avventure, incontrerai molti abitanti di questo bioma ricoperto di neve che hanno fatto dei picchi innevati, le foreste e le coste la loro casa. Eccone alcuni che incontrerai nei tuoi viaggi.

Tuskarr
WoW_Dragonflight_Tuskarr_NPCs_Embed.png

Come i loro parenti di Nordania, i Tuskarr delle Isole dei Draghi sono pescatori e mercanti che hanno vissuto in questa terra sin dal tempo in cui i draghi blu volavano per la Vastità Azzurra. Le loro tribù si trovano dappertutto e sono a loro volta impegnate ad aiutare Kalecgos.

Draghi Blu
WoW_Dragonflight_Kalecgos_embed.png

Nuova vita infonde le Isole dei Draghi, ma molti draghi blu sono ancora dispersi per tutta Azeroth. Kalecgos avrà bisogno di tutto l’aiuto possibile per riunirli, e ad offrire aiuto ci sarà anche qualcuno di inaspettato.

Gnoll
WoW_10Alpha-AzureSpan_Blog-Lightbox-Gnolls_1280x720_JM01.jpg

Un selvaggio clan di gnoll sciamani che padroneggia il potere del decadimento, ricoprendo la loro terra paludosa di un oscuro strato di rovi e radici. Sono una forza da non sottovalutare.

Mezzorsi
WoW_10Alpha-AzureSpan_Blog-Lightbox-Furbolgs_1280x720_JM01.jpg

I Mezzorsi che abitano nella foresta sono alle prese con dei conflitti che hanno diviso i loro clan. Molti sono stati attirati dalla promessa di poter diventare in grado di piegare gli elementi al proprio volere.


JVO6I0POUPRX1657912772385
FR1POSS2H4IT1657912772190
FED9W40I5UTL1657912772337
TK7JS0VE0GN61657912771517
GY33G7GRIUQT1657912771392
M43LBTR049LY1657912770497
XZQHC4PJKL001657912770511
OSL34P6PGYPW1657912770534

Visita WorldofWarcraft.com/it-it/news per tutti gli aggiornamenti e seguici su Twitter e Facebook.

Ci vediamo nelle Isole dei Draghi!



Enrico "Xly" Favaro

About Author

Classe 1991, appassionato di RTS e 4x; dopo aver giocato per tanti anni a Starcraft e Warcraft 3 ha avuto la fortuna di giocare alla beta di World of Warcraft e da allora non ha mai smesso di girovagare (a caso) per Azeroth, imparando quanto più possibile sulla sua storia.

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti