Copertina

Negli scorsi giorni ci sono state diverse dichiarazioni da parte di dipendenti Blizzard che riguardano Hearthstone. Le abbiamo raccolte e riassunte di seguito.

Peter Whalen ha cambiato team

Dopo aver scoperto che Mike Donais ha lasciato il Team 5 per dedicarsi ad un nuovo progetto in seno a Blizzard, è arrivata la conferma che anche Peter Whalen non sta più partecipando allo sviluppo di Hearthstone. Su Twitter ha dichiarato che sta lavorando proprio insieme a Donais, su qualcosa che ancora non gli è permesso rivelare.

Peter Whalen non ha militato nel Team 5 tanto quanto Donais, ma a lui i giocatori devono l’introduzione delle Spedizioni di Coboldi & Catacombe. Con tutta probabilità non vedremo i frutti del loro lavoro nel 2020, ma noi incrociamo comunque le dita.

Il tweet di Whalen.

Animazioni più veloci

Nella patch del 21 gennaio sono arrivati diversi interventi alla velocità delle animazioni per la Modalità Battaglia (decisamente apprezzato è stato il taglio all’animazione di Veleno). La Lead FX Artist Hadidjah Chamberlin è intervenuta su reddit per dichiarare che miglioramenti simili arriveranno anche per le altre modalità di gioco, in una prossima patch.

We’re speeding up minion triggers across the whole game (“Whenever”/”After”, Poisonous, Lifesteal, etc. etc.) in an upcoming patch to better match the cadence of Battlegrounds (they’ll resolve in 0.2s (down from 0.8s) except for the special cases we flag for 0s). This is done and checked in, just hasn’t gone live yet because it requires a full patch.

I’m pretty hyped about this, mainly because a lot of people have wanted things like this and that I think/hope is going to be a really really nice change to the game. But also because (as your title says) Battlegrounds paved the way for this change, and it’s cool seeing a new game mode have these positive ripple effects across the rest of the game.:)

Not the last change we’re looking to make in this vein by a long shot, but that’s the upcoming, completed one.

Will this affect Cho’s animation time?

Yes, it’ll reduce every instance of it by 0.6s.

Un “meta snapshot” ufficiale

Il Senior Game Designer Dean Ayala ha condiviso su Twitter una lista dei 5 mazzi migliori e dei 5 mazzi più popolari non in ordine di potenza:

Top 5 in popolarità

  • Embiggen Druid
  • Galakrond Rogue
  • Galakrond Warrior
  • Highlander Hunter
  • Highlander Rogue

Top 5 in percentuale di vittoria

  • Aggro Hunter
  • Combo Priest
  • Highlander Hunter
  • Mech Paladin
  • Quest Hunter

È inusuale ricevere questo tipo di informazioni dagli sviluppatori, con dichiarazioni passate che affermano la volontà di lasciare la creazione del meta nelle mani dei giocatori. Il fatto che non ci siano veri e propri numeri e gerarchie in questo elenco potrebbe sempre riflettere tale volontà.

Su reddit Ayala ha anche risposto ad alcune domande tecniche sull’analisi dei dati, le lasciamo riportate qui sotto integralmente per chi volesse approfondire.

Possible easy explanation: instead of aggregating the data for the deck type their top decks are specific decklists, meaning there’s one Facehunter that has the best winrate even if the Facehunter archetype is lower tier.

Individual deck data would be fairly misleading. This is clustered data of many players playing a similar list.

Fair enough. By “similar list” do you generally mean a few cards different, a few cards similar, a majority the same, or are you taking it archetype by archetype?

It depends. If there are a bunch of pirate warrior decks that include the same 25 cards, but they last 5 are any of 20-25 different fringe cards, we would classify that as one deck. If there are a bunch of pirate warrior decks that include the same 25 cards, but the last 5 are either a package of deathrattle cards or a package of murloc cards, we would consider that two separate decks. Someone much better with algorithms and math than I am put together the formula and it wen through a bunch of iteration until we were happy with it. Now it’s mostly automatic, but we have to name the deck clusters to make the report readable.

We have a daily report that we don’t name the clusters manually, but choose their names by wordcloud based on the name the player chose for their deck. It works pretty well a surprising amount of the time.

Miglioramenti alle decisioni di Zefris

Zefris il Grande continua infine a rivelarsi una delle carte dal meccanismo più complesso e che richiede costanti osservazioni e aggiornamenti. Durante le partite dell’ultimo Masters Tour di Arlingotn, si è verificato un curioso caso in cui il genio non ha proposto una rimozione quando si ritrovava ad affrontare Shirvallah, la Tigre, preferendo optare per una carta che la rubasse o copiasse.

Ciò ha portato a una lunga discussione su twitter con Celestaton, alias l’Initial Game Designer Chadd Nervig, riguardo l’eccessiva value che Zefris dà ai servitori con alto costo di mana, che si è infine conclusa con una conferma su future modifiche al riguardo.

Il momento in cui ha Zefris ha capito che dovrà tornare di nuovo a studiare
Per favore Accedi per commentare
  Segui  
Notificami