Copertina

Lorekeeper.net ha avuto la possibilità di intervistare il Lead Narrative Designer Steve Danuser a proposito di Maldraxxus, parlando di che fine fanno le anime delle diverse linee temporali e di cosa potrebbe succedere in futuro a Draka.

Alcune informazioni rivelate durante l’intervista sono considerabili spoiler, se non volete rovinarvi la sorpresa interrompete qui la lettura.

L’intervista si apre con alcune domande generali sulla meccanica della morte, è stato confermato che se si muore all’interno delle Terretetre, la tua anima è perduta per sempre. Danuser inoltre ha parlato della condizione particolare in cui “vivono” i Reietti e gli altri non-morti su Azeroth, affermando che essere riportati in vita influenza la personalità e la psiche dei personaggi. Questo dipende molto dal modo con cui queste anime vengono richiamate nel mondo mortale, il che spiegherebbe il cambiamento di personalità di alcuni personaggi durante Battle for Azeroth.

Steve è intervenuto anche in merito al numero di reami presenti all’interno delle Terretetre, spiegando che ne esistono moltissimi altri, sia paradisiaci che punitivi. I 5 regni che esploreremo durante le nostre avventure in Shadowlands sono quelli chiave per il funzionamento delle Terretetre, gli altri regni esistenti non hanno un ruolo chiave nel meccanismo della morte.

TheCosmicForces
La carta delle Forze Cosmiche presente in World of Warcraft La Storia

Ulteriore argomento affrontato dal Lead Narrative Designer riguarda le diverse “versioni” di alcuni personaggi che abbiamo incontrato; nello specifico tutti quei personaggi doppi presenti nella linea temporale di Warlords of Draenor. Per farci capire il funzionamento di queste anime doppie, Danuser ha utilizzato la metafora della corda. Immaginate una corda, di quelle utilizzate per ormeggiare le navi, questa grossa corda è formata da più corde più sottili intrecciate insieme. Le anime presenti nelle Terretere sono la corda grossa mentre le corde più sottili, che formano la corda grossa, sono le anime delle varie linee temporali. Di fatto nelle Terretetre ci sarà una sola anima che però è un mix di tutte le versioni di quel personaggio. Prendiamo ad esempio Draka, abbiamo la sua versione “canonica”, ovvero quella che dà alla luce Thrall e muore su Azeroth, uccisa dagli assassini del Concilio dell’Ombra e la sua versione di Draenor. Queste due versioni sono due corde sottili, parte di una stessa corda grossa, che è quella che troviamo nelle Terretetre.

Inevitabilmente è stato affrontato anche il tema delle forze cosmiche e di come queste interagiscano tra di loro. Durante l’intervista abbiamo appreso che, come già succede con i Demoni, anche altre entità alla loro morte tornano nel loro reame d’origine nel quale possono rigenerarsi per poi fare ritorno. Steve nella sua risposta cita l’esempio dei demoni e delle loro anime che fanno ritorno nella Distorsione Fatua e fa intendere che questo stesso processo avviene anche con i Naruu, i quali alla morte tornano nel reame della Luce. In aggiunta a questo, si è scoperto che le forze cosmiche possono intervenire per cambiare il corso degli eventi di uno specifico personaggio a cui la specifica forza cosmica è molto legata. L’esempio portato è quello del Crociato Bridenbrad presente a Corona di Ghiaccio. La formulazione di questa risposta fa nascere il dubbio se l’intervento delle forze cosmiche per salvare determinate anime possa in qualche modo aver contribuito a rompere il meccanismo della Morte.

shadowlands aldilà draka
Draka nel corto animato di Maldraxxus

Danuser ha discusso per la prima volta del legame con Draka e Durotan, suggerendo che potremmo vederli riunirsi quando i disordini a Maldraxxus si saranno placati. Steve ha anche ipotizzato in che tipo di aldilà si sarebbe trovato Durotan, se da un lato esploreremo regni in Shadowlands che sono piuttosto impegnativi per i suoi abitanti, dall’altro c’è anche il potenziale per regni idilliaci senza responsabilità, ossia i regni paradisiaci e punitivi accennati in precedenza. In uno di questi regni potrebbe essere finito Durotan e se tutto andasse bene per lui, probabilmente si troverebbe in questo infinito terreno di caccia, nel quale avrebbe i suoi lupi intorno a sé e potrebbe andare a caccia tranquillamente, senza preoccuparsi di forze oscure che distruggano il suo mondo. Può semplicemente goderselo per sempre e forse Draka un giorno potrà adempiere ai suoi obblighi e unirsi a lui.

I giocatori si sono chiesti se Thrall si riunirà con uno dei suoi genitori in Shadowlands, una volta che lo avremmo salvato dalla Fauce. Quando abbiamo attraversato il Portale Oscuro per arrivare su Draenor, Thrall ha in qualche modo conosciuto i suoi genitori, i quali però non erano le stesse persone che l’avevano cresciuto. Ma la Draka che incontriamo nelle Terretetre e vediamo nel corto animato è anche la stessa che ha cresciuto Thrall e che ha dato la sua vita per lui. Mentre Thrall è prigioniero nella Fauce, Draka ha una responsabilità molto grande e un compito da svolgere, ma i due personaggi sono legati e un incontro tra di loro è qualcosa che avverrà durante Shadowlands. Questo incontro sarà molto emozionante per entrambi i personaggi e per i giocatori che vi assisteranno. Questa rappresenta una delle tante storie che il team non vede l’ora di raccontare.

Segui
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti